GIOVEDì
    ogliastra    per contattarci   ›› telefono 335.6930.849   ››  sms 335.6930.849   ››  e-mail ogliastra@gds.li               4 NOVEMBRE 2004                  49
     
 

A Ulassai

seconda edizione

del concorso

per Demurtas

 

"L'11 settembre crocevia di civiltà?" è il tema

del premio che ricorda il deputato scomparso

 

Paola Pilia

 

L'11 settembre e la complicata situazione  internazionale sono i temi dell'edizione 2005 del premio letterario Giovanni Demurtas . Il concorso, organizzato dall'associazione culturale "Sa perda e su entu" in memoria del deputato ogliastrino dei Comunisti italiani scomparso improvvisamente tre anni e mezzo fa, è giunto appena al secondo anno di vita, ma si è già ritagliato uno spazio importante nella scena culturale della nuova provincia.

 

 

Concorso per le superiori

 

Rivolto a tutte le scuole medie superiori d'Ogliastra vuole nell'intenzione degli organizzatori promuovere una attenzione critica, più consapevole e profonda del particolare periodo storico che l'umanità intera sta attraversando. Niente di più attuale dunque del titolo di quest'anno, " 11 settembre: crocevia di civiltà?" per riflettere su un avvenimento che ha tragicamente sconvolto il corso della storia. ‹‹Oggi più che mai è indispensabile capire il mondo che ci circonda e prendere consapevolmente posizione - spiegano i soci de "Sa perda e su entu" - è la nostra umanità che lo pretende. Al di là degli steccati di partito, dei credo ideologici e dei facili e demagocici sofismi. Muri, orrore  e  bestialità   rischiano  di   far

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

precipitare il mondo in un baratro senza fondo. Chi pretende di colmarlo con altri muri chi costruisce ponti. Questa è forse la più importante sfida del Terzo Millennio: la ricerca di una comune umanità tra diversi mondi, razze e civiltà. E questo è l'impegno verso il quale chiamiamo i nostri ragazzi e noi stessi››. ‹‹La presenza del punto di domanda nel tema proposto - aggiungono gli organizzatori - ha il senso di aprire liberamente le analisi dei ragazzi alle più svariate interpretazioni, per una nalisi critica del presente che porti, al di là di facili e banali semplificazioni, ad una maggiore consapevolezza della realtà nella quale viviamo››.

Ai vincitori 500 euro

 

L'anno scorso nel gradino più alto del podio salirono gli studenti della quinta B dell'Istituto Tecnico Commerciale di Jerzu, coordinati daslla professoressa Ginetta Dessì. La medaglia d'argento e di bronzo andarono ivece alla seconda D del Liceo linguistico Leonardo Da Vinci di Lanusei e alla quarta A del Liceo Scientifico di Tortolì. I ragazzi si confrontarono allora sul tema "La globalizzazione e la crisi di identità culturale e sociale nella Sardegna di oggi". Ammontano a 500, 300 e 200 euro i premi destinati anche quest'anno rispettivamente al primo, al secondo  e  al  terzo  classificato, i

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
     Studenti ogliastrini in assemblea                                                        (foto andrea caredda)
 

quali saranno inoltre inseriti nell'albo letterario istituito nel sito dell'associazione culturale "Sa perda e su entu". 

La scadenza è a febbraio

 

Per presentare gli elaborati c'è ancora tempo fino al 28 febbraio 2005. La cerimonia di premiazione, alla quale dovranno partecipare tutti i finalisti, è prevista invece per il mese di aprile 2005, nella ricorrenza della scomparsa di Giovanni Demurtas, che perse la vita nella primavera del 2001 in seguito ad un incidente stradale. Il bando può anche essere consultato presso la biblioteca comunale di Ulassai e nel sito web dell'associazione all'indirizzo www.saperdaesuentu.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  ÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷÷ 

Morì a 45 anni sulla Statale 125

Giovanni Demurtas nasce ad Osini il 7 agosto 1957 ma vive gran parte della sua giovinezza ad Ulassai. Frequenta il liceo scientifico di Jerzu e poi la facoltà di Lingue a Cagliari. Docente in molti istituti superiori della provincia di Nuoro, non rinuncia mai a un forte impegno politico. Alla Camera dei Deputati viene eletto nel 1994 e nel 1996. Membro della Commissione Parlamentare Industria si occupa dei problemi della cartiera di Arbatax e della realtà mineraria del Sulcis. Nella Commisisone Cultura si  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  impegna per la riforma della scuola pubblica. Il 1 aprile 2000, di ritorno da cagliari dopo un incontro politico, sischianta contro un albero sulla strada statale 125 e perde la vita. Al suo funerale partecipano migliaia di persone, tra volti noti della politica e gente comune. E' sepolto nel piccolo cimitero di Ulassai. Dopo le elezioni suppletive, il suo posto in parlamento è stato preso dal deputato della Margherita Tonino Loddo, anche lui ogliastrino, che ha battuto gli altri candidati: Antonangelo Liori, Nanni Marras e Franco Carta.