Ulassai ricorda De Murtas,

nuova edizione del premio

riservato agli studenti

 

ULASSAI. Il premio letterario "Giovanni De Murtas" (nella foto) è giunto alla sua seconda edizione. L'organizzazione è curata dall'associazione culturale "Sa perda e su entu". ‹‹Il premio, così come per la precedente edizione - afferma Giuseppe Cabizzosu, presidente dell'associazione organizzatrice - è rivolto a tutte le scuole medie superiori della nuova Provincia Ogliastra ed è teso a promuovere un'attenzione critica, più consapevole e profonda del particolare periodo storico che l'umanità intera sta attraversando››.

 

‹‹Incentrato per statuto sull'analisi di fenomeni e problematiche di estrema attualità, quest'anno, come tema ha "L'11 settembre: crocevia di civiltà?". La scelta è quindi caduta su una data che ha cambiato il corso della storia e messo, in maniera drammatica, l'umanità di fronte alla terribile realtà del terrorismo internazionale››. La presenza del punto interrogativo nel tema proposto, ha (provocatoriamente) il senso di aprire in modo libero le analisi dei ragazzi alle più svariate interpretazioni. Il tutto per un'analisi critica del presente che porti, al di là di facili e banali semplificazioni, ad una maggiore consapevolezza della realtà nella quale viviamo.

‹‹Oggi più che mai - prosegue Cabizzosu - è indispensabile capire il mondo che ci circonda e prendere consapevolmente posizione. E' la nostra umanità che lo pretende. Al di là degli steccati di partito, dei credo ideologici e dei facili e demagogici sofismi. Muri, orrori e bestialità rischiano di far precipitare il mondo in un baratro senza fondo. Chi pretende di colmarlo con altri muri, chi costruisce ponti››. A parere degli organizzatori, un aspetto non secondario è il fatto che, per la prima volta, in Ogliastra, si è istituito un premio rivolto esclusivamente agli studenti ogliastrini delle  scuole medie superiori, nonché dedicato alla memoria di un conterraneo, il deputato ulassese Giovanni De Murtas. ‹‹Crediamo che un premio

 

creato da ogliastrini per ogliastrini - fa rilevare il presidente dell'associazione cuturale "Sa perda e su entu" - è dedicato  alla memoria ed all'esempio di un ogliastrino illustre, possa rappresentare uno stimolo  ed  una  sfida  cui i nostri ragazzi e i loro educatori non possono assolutamente esimersi. Nella convinzione che il nostro miele, pur amaro, è tuttavia nostro, e ci appartiene intimamente. E' giusto assaporarlo e valorizzarlo fino in fondo, senza timore o pudore››. Il concorso prevede un premio in denaro di 500 euro al primo classificato, 300 al secondo e 200 al terzo. A tutti sarà consegnato un diploma di partecipazione e i vincitori saranno inseriti nell'albo letterario istituito nel sito dell'associazione culturale "Sa perda e su entu". Il termine ultimo per la consegna degli elaborati è stato fissato per il 28 febbraio 2005 e la cerimonia di premiazione si terrà due mesi dopo, nella ricorrenza della scomparsa del deputato De Murtas. (l.cu.)