Ulassai.

Iniziativa in favore dei bambini del mondo

ULASSAI. Si può coniugare solidarietà e impegno sociale? La risposta, anche se in apparenza scontata, appare decisamente possibile e positiva quando si uniscono “Sa perda e su entu” e l’amministrazione comunale. Di che si tratta? In sostanza l’amministrazione ha deciso di allestire nei locali della biblioteca comunale un grosso cedro definito “Albero della vita” e addobbato con palle natalizie che all’interno contengono le foto di tutti i bambini del paese come messaggio di speranza e di pace per il mondo intero. La singolare iniziativa ha davvero suscitato interesse ed entusiasmo non solo nella popolazione stanziale ma anche in diversi “turisti”. In un momento così terribile per l’intero pianeta, con maremoti e stragi, l’iniziativa è forse un segnale che varca i confini geografici. Nel tempo delle maschere e dei coriandoli si pensa anche che a quanti bambini vengono sfruttati nel mondo per manodopera a basso costo o per deviazioni sessuali.  L’albero della vita, dunque, oltre all’iniziativa ulassese, si presenta anche nella veste di organizzazione Onlus che si batte a favore dei bambini in difficoltà e che non molto tempo fa ha aperto una casa ad Arbatax, dono della famiglia Mazzella, come filo di speranza per chi ha il diritto inalienabile di essere un fanciullo, con tutti gli altri diritti annessi e connessi. Roberto Piras