Ulassai. Nella sezione ogliastrina del concorso letterario

la giuria conferma gli osinesi Silvio e Pietro Pili

Premio Istillas de Lentore a un poeta di Santulussurgiu

 

ULASSAI. Il premio di poesia sarda "Istillas de lentore", fondato nel 2006 dall'associazione culturale ulassese "Sa perda e su entu", ha concluso la sua seconda edizione con l'assegnazione dei premi ed ora punta a crescere ancora.

«Sorto inizialmente come premio dedicato alla poesia ogliastrina - spiega il presidente dell'associazione "Sa perda e su entu", Giuseppe Cabizzosu (che è anche bibliotecario comunale), la competizione poetica, lo scorso anno, si è estesa all'intera isola e ha registrato una partecipazione veramente inaspettata. Tutto questo a conferma di come la poesia dialettale sia ancora viva e vitale».

   La giuria del premio di poesia sarda, composta da Giorgio Murino (assessore provinciale alla Cultura), dal poeta improvvisatore ogliastrino Bruno Agus, dagli studiosi Giampiero Cannas e Sandra Mereu, da Diego Corraine (direttore de "S'uffiziu de sa limba sarda" d'Ogliastra) e dal giornalista scrittore Paolo Pillonca, ha conferito la palma del vincitore della sezione regionale al poeta di Santulussurgiu Giovanni Domenico Maicu, per l'opera "Nues in s'orizzonte".

Il secondo premio è invece andato al poeta di Selargius Luigi Suergiu, per l'opera "Sa notte 'e Santu Giuanni". Il terzo posto è stato assegnato all'opera "Sona chiterra mea" composta dal poeta di Castelsardo, Domenico Mela.

   Giuseppe Cabizzosu ha spiegato che la sezione ogliastrina ha registrato due conferme della precedente edizione. Si tratta degli osinesi Silvio e Pietro Pili, che si sono aggiudicati - con le poesie "Pro unu giovanu defuntu" e "A Riu Pardu" - rispettivamente il primo e il secondo premio della sezione locale. Il terzo premio della medesima sezione è invece andato alla poetessa di Lanusei, Violetta Arangini, per la bella composizione dal titolo"Sabadu a notti". La cerimonia ufficiale di consegna si è tenuta sabato nella sala conferenze di Barigau.

    «Questa seconda edizione del premio "Istillas de lentore" - evidenzia Cabizzosu - nonostante la giovanissima età, si impone con forza ed entusiasmo fra gli appuntamenti poetici in limba più attuali ed autorevoli dell'area della Sardegna sud-orientale. Il premio è stato fortemente voluto dall'associazione "Sa perda e su entu" e dall'amministrazione comunale e punta a divenire un appuntamento fisso». (l.c.)