22 novembre 2002 NUORO Pagina 53
  
L’aratro e il giogo di buoi

Per gli scolari un tuffo nella memoria

Ulassai Un rituale antico, la cui memoria si perde nella notte dei tempi. Domani mattina alle 10 i bambini delle scuole elementari del paese, accompagnati dai loro insegnanti, assisteranno al rito collettivo dell’aratura dei campi con i buoi aggiogati e l’aratro in legno. Seguirà la tradizionale semina “a spaglio”, eseguita a mano.
L’iniziativa, organizzata dall’ associazione culturale “Sa perda e su entu" in collaborazione con la biblioteca comunale, consentirà ai bambini di assistere alla ricostruzione concreta dei tre passaggi importanti che hanno segnato l’evoluzione delle tecniche agricole del Novecento in Ogliastra: dall’aratura arcaica alla rivoluzione degli anni Quaranta caratterizzata dall’utilizzo dell’aratro in ferro. «L’obiettivo - spiega il bibliotecario Giuseppe Cabizzosu - è quello di far conoscere ai ragazzi le evoluzioni sociali, economiche e culturali del territorio». (m. f. c.)


Inserisci il commento

Preghiamo i nostri lettori di firmare i commenti indicando
nome, cognome e indirizzo di posta elettronica.
Possiamo - su richiesta - omettere le generalità di chi scrive.
La segretezza dei dati è comunque tutelata a norma di legge.
La redazione non pubblicherà commenti anonimi.